• Baurealisation
  • Liegenschaftsverwaltung
  • Unternehmensberatung
  • Rechtsberatung
  • Treuhand
Gretler & Partner AG
Gretler & Partner AG

Die Gretler & Partner AG zählt zu den renommierten Anbietern von Immobilien- und Unternehmensdiensten in der Deutschschweiz und im benachbarten Ausland. Fokussiert auf den Immobilienbereich werden Dienstleitungen wie Baurealisation, Liegenschaftsverwaltung, Treuhand und Rechtsberatung angeboten.

  • Softwareentwicklung
  • Grafik & Webdesign
  • Marketing / SEO
  • Domainreseller
  • Schulungen
gretler intermedia GmbH
gretler intermedia GmbH - Internetagentur und Softwareentwicklung

Die gretler intermedia GmbH realisiert webbasierte Software, Schnittstellen und Webseiten, die E-Business-Prozesse in Unternehmen unterstützen. Die Kundenbetreuung umfasst ganzheitliches Marketing mit Beratung, Strategieentwicklung, Werbung und Design für ein einheitliches Erscheinungsbild.

Tipps

Web 2.0 Projekte

Online-Communities, Webbasierte Software, Schnittstellen und Internetauftritte

Haben Sie den Aufbau oder Erweiterung eines Portals oder Online Community geplant? Oder kommt Ihr Portal an seine Leistungsgrenzen? Dann kontaktieren Sie uns. Wir beraten Sie gerne und unterstützen Sie bei der Realisierung.

Domainregistrierung

Kostengünstige DNS Services und Domainregistrierungen,
-verwaltung und TLD-Strategie

Mit einem Leistungsspektrum von über 240 internationalen Top Level Domains (TLD) gehört gretler intermedia zu den wenigen Domaingrosshändlern, die Ihnen alle Leistungen aus einer Hand anbieten.

Wir bieten Ihnen die Aufnahme Ihrer DNS Einträge auf unseren Nameservern.

ots-News: Italian

Il sindacato Unia contro la "Basler Zeitung" - Reclamo accolto parzialmente dal Consiglio della stampa (presa di posizione 71/2020) (DOCUMENTO)

16.10.2020 | 12:16 Uhr | Ressort: | Quelle: Presseportal


Bern (ots) - Parti: Unia c. "Basler Zeitung" online

Tema: Verità / Omettere informazioni importanti / Diritto di essere ascoltato

Reclamo parzialmente accolto

Riassunto

"Violazione parziale" del codice deontologico. Così giudica il Consiglio svizzero della stampa le mancanze di un servizio pubblicato dalla "Basler Zeitung" a proposito di asseriti "vari scandali sessuali" all'interno del sindacato Unia. Al sindacato non era stato riconosciuto il diritto di essere ascoltato circa i gravi addebiti contenuti nella versione cartacea.

L'articolo pubblicato il 9 aprile 2019 faceva stato di "un'insurrezione all'interno di Unia". Il presidente dimesso della sezione Berner Oberland vi denunciava la non-applicazione, da parte della centrale del sindacato, di misure decise dal congresso. Chi si espone con critiche sarebbe trattato "come un lebbroso" (Aussätzige). Secondo il giornale, gli scandali di natura sessuale e gli episodi di intimidazione (mobbing) sarebbero stati numerosi, comprese minacce di sciopero e il caso di un responsabile regionale estromesso per asserite molestie sessuali. Il giornale si limitava però a fornire le prove di un caso solo, il che contraddice la Cifra 1 (Rispetto della verità) della Dichiarazione dei doveri e dei diritti dei giornalisti. Come detto, inoltre, la versione a stampa del giornale ha omesso di offrire la possibilità alle persone oggetto di addebiti gravi (Cifra 3 della "Dichiarazione") la possibilità di prendere posizione. Mentre almeno "baz-online", con un'intervista alla presidente di Unia allegata al servizio, rispettava il diritto degli accusati di essere sentiti prima della pubblicazione, niente di simile risulta dall'articolo a stampa. Che si sia trattato di un "errore tecnico" non giustifica che proprio a nessuna delle persone criticate sia stata data la parola in modo corretto. Non soddisfa certo tale esigenza che nel finale dell'articolo si legga: "Unia afferma al contrario che tutto sarebbe avvenuto 'nel rispetto degli statuti'". Tutto ciò è chiaramente insufficiente, conclude il Consiglio della stampa.

Non accolto risulta invece l'addebito di omissione di informazioni importanti, pure mosso alla BaZ, circa una sentenza della Cassazione e relativo ritiro della denuncia da parte di una dipendente che aveva accusato il sindacato di mobbing. La sentenza, è vero, non era stata citata, ma è corretta la notizia pubblicata, che il procedimento abbia avuto luogo davanti a un tribunale di Neuchâtel.

Contatto:

Schweizer Presserat Conseil suisse de la presse Consiglio svizzero della stampa Ursina Wey Geschäftsführerin/Directrice Rechtsanwältin Münzgraben 6 3011 Bern +41 (0)33 823 12 62 info@presserat.ch www.presserat.ch

Ulteriori informazioni: http://presseportal.ch/fr/pm/100018292/100857430?langid=4 OTS: Schweizer Presserat - Conseil suisse de la presse - Cons iglio svizzero della stampa